II Congresso Nazionale FLPBAC 27 e 28 settembre 2014 – VERBALE E TESI CONGRESSUALI

391

VERBALE E TESI CONGRESSUALI

 Si è tenuto presso la Sala Convegni del Comune di Casperia (RI), nei giorni 27 e 28 settembre 2014, il 2°Congresso nazionale FLP BAC.

27 settembre 2014

Nella mattinata del primo giorno, in via preliminare, si sono insediate la Presidenza e la Commissione Verifica Poteri. E’ stato nominato Presidente dell’Assemblea congressuale, Pasquale Nardone, mentre per la Commissione Verifica Poteri sono stati designati: Luca Trolese, Rosario Greco, Enrichetta Salerno.

Con evidente soddisfazione l’Assessore alla Cultura del Comune di Casperia, Alberto Marinsaldi, ha raggiunto la Sala Congressi per porgere il benvenuto ai partecipanti ed esprimere, a nome della comunità locale, il piacere di ospitare i dirigenti e i delegati della FLP, pronti a celebrare, nella cornice amena e verdeggiante delle colline sabine, questo importante evento, straordinaria occasione di analisi del passato e di proficua apertura al futuro.

Con grande interesse e un’intensa vibrazione emotiva, la platea ha successivamente prestato ascolto alle parole con cui il Segretario nazionale FLP BAC, Rinaldo Satolli, ha ufficialmente aperto i lavori del Congresso. Nel suo intervento il Segretario nazionale FLP BAC, che si presentava alla scadenza del suo primo mandato, dopo un’ampia e doverosa premessa sulle difficoltà economiche e sociali che trattengono il Paese nella morsa di una crisi difficile da superare, si è soffermato a considerare le gravi conseguenze che essa rischia di provocare, soprattutto ai danni delle giovani generazioni. Coniugando con viva partecipazione il sentimento umano alla responsabilità sindacale, Rinaldo Satolli ha sottolineato che, senza una svolta concreta, una vera e propria rivoluzione di pensiero e di sistema, sarà assolutamente impossibile per le nuove generazioni poter concepire alcun progetto di tipo professionale e umano. Subito dopo ha espresso la piena consapevolezza del compito che, anche in questo senso, spetta ad una solida Organizzazione Sindacale, impegnandosi ad offrire il proprio appoggio a proposte e iniziative utili a sostenere sane ed efficaci politiche di sviluppo e di crescita.

Volgendo poi l’attenzione al settore della cultura, il Segretario nazionale FLP BAC ha tracciato un quadro approfondito e articolato del lavoro svolto negli ultimi cinque anni, passando in rassegna i momenti cruciali che hanno segnato il faticoso cammino verso il consolidamento delle nostre posizioni su tutto il territorio nazionale. Ha quindi espresso vivo orgoglio per i risultati raggiunti attraverso il costante e febbrile impegno di tutti i dirigenti e i rappresentanti che, nelle fila della FLP BAC, hanno condotto impegnative battaglie non solo per la piena tutela dei diritti dei lavoratori, ma anche in difesa dell’interesse comune alla conservazione e alla valorizzazione del proprio patrimonio culturale.

Accettando l’invito a suo tempo ricevuto, l’attuale Capo di Gabinetto, Giampaolo D’Andrea, ha voluto presenziare alla celebrazione del 2° Congresso FLP BAC.  Nel suo intervento, inequivocabile riconoscimento della crescente rappresentatività e del ruolo sempre più incisivo acquisito dalla FLP nel confronto con i vertici politici e istituzionali, il Prof. D’Andrea, ha subito passato in rassegna le maggiori novità introdotte dalla cosiddetta “riforma Franceschini” (L. 83/2014), offrendo ai presenti utili e significativi elementi di riflessione circa la misura e la funzionalità delle innovazioni che stanno per modificare l’organizzazione del MiBACT.

Al termine del discorso pronunciato dal Capo di Gabinetto, il Segretario nazionale FLP BAC ha dato avvio ad un passaggio interlocutorio di grandissimo interesse, ponendo all’attenzione del prof. D’Andrea alcuni aspetti del nuovo assetto ministeriale che, ad un primo esame della norma ancora in via di approvazione, la FLP BAC ritiene necessario approfondire e discutere. Nel corso del confronto, il Segretario nazionale FLP BAC ha esposto in proposito le posizioni della propria sigla sindacale, fornendo elementi utili per la valutazione dell’impatto che essi potrebbero avere sulla complessa struttura amministrativa del MiBACT. Accanto alla piena volontà di collaborazione e di apertura al dialogo, egli ha, comunque, ribadito che la FLP BAC non si sottrarrà al contrasto di qualunque iniziativa che non sia volta a perseguire, nell’interesse esclusivo dei lavoratori e del Paese, il miglior funzionamento possibile del settore culturale pubblico.

A seguire l’intervento del Segretario generale della FLP, Marco Carlomagno, ha ricondotto  l’attenzione dei presenti verso le grandi questioni di carattere più generale che interessano, in questa fase così difficile e sfavorevole della storia del nostro Paese, l’intera collettività. Egli ha, infatti, sottolineato la necessità di vigilare con estrema attenzione sulle manovre di recupero delle risorse che il Governo si accinge a varare poiché i tagli alla spesa pubblica che sembrano ormai prossimi, se concepiti in forma lineare e senza puntare alla capillare eliminazione degli sprechi, non potranno che tradursi in un pesantissimo decremento quantitativo e qualitativo dei servizi ai cittadini.

A questo punto è stato presentato il nuovo sito della FLP BAC, in via di ultimazione e ora on-line. Il webmaster che ne sta curando la costruzione ha illustrato alla platea le caratteristiche delle pagine web che a breve consentiranno di dare maggiore visibilità alle iniziative della FLP BAC, favorendone la comunicazione con i lavoratori.

Dopo una breve pausa per il pranzo, alle ore 15.00 i lavori sono ripresi con un vivace dibattito a cui hanno preso parte con grande interesse tutti i delegati. Il dibattito si è prolungato per tutto il corso del pomeriggio e ha fornito l’opportunità ai delegati presenti, impegnati nell’attività sindacale su tutto il territorio nazionale, di confrontare le loro esperienze prospettando per il futuro uno scambio di opinioni costante e duraturo.

 28 settembre 2014

  • Alle ore 9.00 si è dato avvio ai lavori della II giornata del 2° Congresso nazionale FLP BAC.

All’unanimità è stato approvato il Regolamento del coordinamento nazionale FLP BAC.

Subito dopo, alcuni dei presenti hanno proposto, argomentandole, le tesi congressuali. Esse costituiscono parte integrante del documento finale.

Raccomandazioni per il Congresso:

1) “Progressioni economiche”: i presenti concordano l’assunzione di una linea che consenta l’utilizzo di risorse a favore di quanti esclusi dalle procedure concluse, nel caso in cui non fosse possibile dare subito avvio all’accordo per un nuovo bando di progressioni economiche e fermo restando il blocco degli stipendi (c.d. “progetto ponte”);

2) Sviluppo del piano della comunicazione attraverso i social networks e/o un profilo Facebook riservato ai Coordinatori territoriali. Incremento dell’utilizzo del sito FLP-BAC.

A seguire, per il Comitato direttivo, sono stati proposti 15 nomi. La lista è stata approvata all’unanimità.

Eletti all’unanimità, nel numero di 7, i delegati al III Congresso nazionale FLP che si terrà il 14-15 e 16 novembre 2014.

L’Assemblea viene sciolta alle ore 11.

 F.to il Presidente e la Commissione Verifica Poteri

Tesi Congressuali

 Le osservazioni sviluppate nel corso del dibattito congressuale, hanno evidenziato la grave sperequazione provocata dagli accordi sottoscritti ai fini del bando per le “progressioni economiche”. Siglati dai Confederali nel 2010 e fortemente avversati dalla FLP BAC, essi hanno avuto come conseguenza una pesante discriminazione tra i lavoratori, sia per quanto concerne l’individuazione dei contingenti sia per i metodi di valutazione dei titoli; sulla base di presupposti diversi, in realtà, le risorse a disposizione sarebbero state sufficienti a garantire un avanzamento economico per un numero nettamente superiore di lavoratori. Nella consapevolezza che, stante il blocco dei contratti e l’impossibilità di qualsiasi aumento stipendiale, non sarebbe possibile in questa fase proporre alcun accordo per una seconda tranche di progressioni economiche, il Congresso ha invitato la nuova Segreteria nazionale a verificare la possibilità di riequilibrare la situazione attraverso l’individuazione di un progetto nazionale, finanziato con le risorse residue del FUA, riservato a tutti i lavoratori utilmente collocati in graduatoria e/o a coloro ai quali è stata preclusa la possibilità di partecipare al precedente bando.

 Da più voci è stato espresso l’auspicio che vengano avviati e svolti con costante regolarità all’interno dell’Amministrazione corsi di formazione a carattere interdisciplinare e di alta qualificazione, per consentire il pieno sviluppo delle potenzialità legate alla specificità del patrimonio e dell’identità del nostro Paese.

La FLP BAC ritiene necessario incrementare il proprio impegno per il rafforzamento delle singole funzioni professionali, attraverso corsi di formazione, perlomeno semestrali, concepiti alla luce di un criterio unitario per tutti i lavoratori.

Attraverso iniziative di tale natura è possibile migliorare e rendere i singoli ruoli oggettivamente aperti agli attuali sistemi mediatici e tecnologici; i corsi potranno avvalersi di docenti selezionati prevalentemente tra i lavoratori del MiBACT, con l’eventuale apporto, ristretto e selezionato, di docenti universitari e/o accademici, in considerazione di una loro specifica e peculiare competenza.

Tutto ciò nell’ottica più ampia e complessiva di perfezionare e potenziare il ruolo e le funzioni della Pubblica Amministrazione nelle proprie responsabilità di salvaguardia, tutela, cura e promozione del patrimonio culturale e a garanzia della conservazione e della trasmissione dell’identità culturale italiana.

Su sollecitazione di alcuni delegati, l’Assemblea ha accolto la proposta di individuare sistemi utili a promuovere e incrementare la visibilità della FLP-CSE. Fra le possibili iniziative che sono state indicate, quella di indire referendum tra i lavoratori sui temi più sensibili e attuali.

Collegandosi alla presentazione del nuovo sito FLP BAC, si è, inoltre, evidenziata la possibile utilità di:

a) attivare un’area all’interno del sito per il confronto fra i Dirigenti sindacali del settore;

b) inserire e mantenere costantemente aggiornate nel sito pagine contenenti norme, contratti e circolari che consentano ai lavoratori del settore una completa informazione sui propri diritti e doveri.

Le difficoltà che impediscono attualmente l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro, già sottolineate nell’intervento del Segretario nazionale, hanno acceso nell’Assemblea la volontà di individuare iniziative che favoriscano la formazione professionale delle nuove generazioni promuovendo esperienze utili all’inserimento professionale. In tal senso, è stato proposto di dare attuazione ad una politica di offerta formativa basata su:

a) organizzazione di corsi professionali che prevedano il rilascio di attestati da parte della CSE riconosciuti a livello europeo;

b) organizzazione di corsi con valore di crediti formativi per studenti universitari;

c) allargamento della platea dei Congressi FLP con estensione di invito alla partecipazione dei giovani.

La platea dei delegati al Congresso all’unanimità dà mandato alla Segreteria nazionale di richiedere un sensibile riequilibrio nell’assegnazione delle agibilità sindacali all’interno della Federazione, poiché il settore, nell’attuale ripartizione, risulta fortemente penalizzato.II

Ashampoo_Snap_2017.03.04_08h24m53s_018_CONGRESSO NAZIONALE FLPBAC – 27 e 28 settembre 2014 – VERBALE E TESI CONGRESSUALI

SHARE